Accedi a Imparosulweb!
Troverai i contenuti multimediali associati ai testi editi dal 2010 in avanti.

Non basta (ancora) l’aumento di studenti lavoratori

È vero che gli studenti lavoratori sono aumentati lievemente negli ultimissimi anni, ma questo comprensibilmente non è sufficiente né a contrastare il trend né ad incidere realmente sulla produttività della popolazione scolastica. Contano i dati: un anno fa sono stati registrati 3 milioni 714 mila studenti e rispetto al 2005 si è dimezzato il numero di chi studia e lavora contemporaneamente.

È già stata rilevata una discrepanza in termini di valutazioni psicologiche tra un’area del Nord (il Nord-Ovest) e il resto della Penisola. Servirebbe però capire se questo celi un diverso focus di valutazione. Quanto ai macro-risultati, bisogna osservare che attualmente tra gli studenti sono in fortissimo calo quelli che lavorano (119 mila nel 2006, 64 mila oggi) e che allo stesso tempo non si attivano abbastanza per cercare un’occupazione: sono i cosiddetti ‘inattivi’. Ad oggi, essi sono 3 milioni 476 mila, un record negativo assoluto.

Gli studenti tra i 15 e i 24 anni con un’occupazione sono il 2% del totale, quindi appena 75 mila (fonte Istat). Aumenta perciò la curiosità per il programma del ministro Giannini di una maggiore, promessa integrazione tra scuola e lavoro. Sorge però il dubbio che ci sia anche un problema di rendimento, per così dire, “produttivo”, se è vero che gli studenti tra i 20 e i 24 anni si preoccupano meno rispetto al passato di mantenersi durante gli studi e al termine del ciclo non si attivano per trovare un’occupazione.

Sul piano alto della decisione politica, invece, il premier Renzi difende lapidariamente la valutazione degli insegnanti portata avanti dal suo governo, a prescindere dai criteri con cui questa è stata fatta. La necessità di avere delle graduatorie meritocratiche, o di rendimento, viene così sopravvalutata rispetto all’esigenza obiettiva di avere standard di valutazione tarati sulle scuole distribuite sul territorio nazionale. In altre parole, rimane ancora la necessità di discriminare tra liceo e liceo, istituto e istituto.



Gentile utente.
Il nuovo sito Loescher è stato realizzato per consentire la migliore esperienza visiva e di navigazione possibile.
Il tuo browser purtroppo non risulta supportato al 100%.
Se decidi di proseguire potresti riscontrare problemi sia a livello estetico sia a livello di funzionamento.
Ti consigliamo quindi di passare ad una versione più recente di Internet Explorer oppure di usare Chrome o Firefox.

Se vuoi scaricare Chrome clicca qui.
Se vuoi scaricare Firefox clicca qui

Grazie

Loescher Editore