Accedi a Imparosulweb!
Troverai i contenuti multimediali associati ai testi editi dal 2010 in avanti.

Alternanza, arriva la Carta dei "diritti e doveri"

Tutto pronto per l'introduzione della Carta dei «diritti e doveri» degli alunni in alternanza scuola-lavoro, che, dopo l’approvazione alla conferenza Stato-Regioni, entrerà in vigore a settembre, quando la sua obbligatorietà andrà a regime.

«La Carta è, nei fatti, l’ultimo tassello normativo per il decollo dell’alternanza - ha spiegato Carmela Palumbo, dg per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del Miur -. Diamo delle indicazioni puntuali a istituti e imprese perchè vogliamo percorsi formativi di assoluta qualità. Certo, ci sono anche doveri che gli studenti dovranno rispettare: la scuola on the job è infatti istruzione a tutti gli effetti, e il periodo di apprendimento sul campo entrerà nella valutazione complessiva del comportamento dell’alunno».

Il testo prevede che l’alternanza scuola-lavoro dovrà essere «coerente con l’indirizzo di studio seguito» dal ragazzo, mentre la formazione “on the job” potrà svolgersi anche «durante la sospensione delle attività didattiche» o, persino, «all’estero»; e per la validità del percorso «è richiesta la frequenza da parte dello studente di almeno tre quarti del monte ore previsto dal progetto».

Gli alunni italiani dovranno essere seguiti sia dal tutor della scuola e sia dal tutor dell’azienda mentre i ragazzi andranno accolti in «ambienti di apprendimento favorevoli alla loro crescita». Per quanto riguarda quelli stranieri, anche loro avranno degli obblighi: rispettare le «regole di comportamento, funzionali e organizzative» dell’impresa che li ospita, e mantenere la «riservatezza» su «dati, informazioni e conoscenze» acquisite durante il periodo formativo “on the job”.

Ai ragazzi e agli studenti dovranno essere fornite informazioni sull’esperienza di studio e di lavoro, ampie e dettagliate. Al termine del percorso gli studenti potranno esprimersi sull’efficacia dell’esperienza svolta.

Come sottolinea un articolo del Sole24ore lo «studente in alternanza è equiparato, a tutti gli effetti, a un lavoratore: l’azienda, pertanto, è tenuta ad adempiere alla formazione in tema di salute e sicurezza, integrando le prime nozioni generali erogate dall’istituto scolastico. All’alunno dovrà essere garantita la sorveglianza sanitaria (ove richiesta); e i ragazzi dovranno, comunque, essere assicurati presso l’Inail e coperti per la responsabilità civile verso terzi. Se necessario, dovranno essere dotati, pure, di dispositivi di protezione (per contenere in parte gli oneri in capo ai datori si apre alla possibilità di stipulare accordi ad hoc tra ministero, Inail e Asl)».

Per garantire il rispetto della Carta dei «diritti e doveri» sono previste apposite commissioni territoriali, composte da studenti, docenti e genitori (le aziende, fondamentali per ospitare ragazzi, non sono - purtroppo - menzionate).



Gentile utente.
Il nuovo sito Loescher è stato realizzato per consentire la migliore esperienza visiva e di navigazione possibile.
Il tuo browser purtroppo non risulta supportato al 100%.
Se decidi di proseguire potresti riscontrare problemi sia a livello estetico sia a livello di funzionamento.
Ti consigliamo quindi di passare ad una versione più recente di Internet Explorer oppure di usare Chrome o Firefox.

Se vuoi scaricare Chrome clicca qui.
Se vuoi scaricare Firefox clicca qui

Grazie

Loescher Editore